Festival Internazionale Città di Locri, 16-19 aprile 2014

torneo scacchi locri

Nelle giornate dal 16 aprile al 19 aprile 2014, si e’ svolto il “Festival Scacchistico Internazionale Città di Locri” presso il Palazzo della Cultura di Locri, manifestazione che ha visto impegnati numerosi contendenti per i premi finali nelle categorie “Magistrale”, “Open” e “Under 16”. Un appuntamento importante e di caratura internazionale che porta lustro alla Città e che da una visibilità rilevante nell’ambito scacchistico nazionale. Molto contento dell’appuntamento il Presidente dell’ASD Scacchi “Città di Locri”, Ugo Prete, così come l’Amministrazione Comunale di Locri, che patrocina la manifestazione. Così la Delegata alle Politiche Sportive e Giovanili, Domenica Bumbaca, riguardo l’appuntamento: «Sono molto contenta di questa manifestazione che avvicina giovani e meno giovani allo sport ma ancora di più al bellissimo mondo degli scacchi. L’impegno profuso per arrivare ad organizzare un torneo internazionale è stato sicuramente importante e ne viene dato atto al presidente Prete per quanto è stato fatto. Locri, per quattro giorni, e’ stata la “capitale” degli scacchi su tutto il territorio nazionale e questo non può che essere ovviamente positivo per la Città e per tutto il territorio. L’avvicinamento a discipline poco praticate, o la nascita di nuove, non può che essere un segnale positivo per il nostro territorio, che grazie allo sport può portare ad una legalità e ad un’aggregazione sociale sempre maggiore, valido anche come rinascita e riscatto. L’Amministrazione Comunale di Locri sostiene tutte le iniziative positive e belle, a favore dei giovani, a favore della Città, a favore della nostra comunità. L’impegno nostro è quello di sostenere questa manifestazione anche negli anni successivi, cercando di farla diventare un appuntamento fisso per la Città di Locri.»

torneo5torneo6torneo7torneo8torneo9torneo10

Terzo Festival Internazionale di Locri 13-19 luglio 2015

Si è concluso domenica scorsa all’hotel Costa Blu di contrada Moschetta, a Locri, il terzo Torneo Internazionale di scacchi. Presenti ben sette giocatori professionisti, provenienti da Serbia, Croazia, Lettonia, Russia, Montenegro, Germania, e giovani talenti italiani per un totale di ventiquattro giocatori. Quattro i grandi maestri: Igor Naumkin, Mirolijub Lazic, Milan Drasko, Arkadij Rotstein; tre i maestri internazionali: Gojko Laketic, Milan Mrdja e Andrejs Strebkovs; e infine il maestro italiano Antonio Varvaglione. A conclusione del prestigioso torneo, il podio vede protagonisti Laketic (serbia), primo classificato, Drasko (Montenegro), secondo classificato, Lazic (Serbia), terzo classificato. Primo tra gli under 16 Andrea Iannello di Messina. L’appuntamento annuale con gli scacchi ad alti livelli si sta affermando come uno degli eventi di punta della città. In questa edizione vogliamo segnalare la bella vittoria del maestro italiano Antonio Varvaglione sul grande maestro ucraino residente in Germania Arkadij Rotstein che ha determinato la classifica finale. Da sottolineare anche la terza vittoriosa partecipazione del maestro internazionale Gojko Laketic, già vincitore dell’edizione 2007, e secondo per spareggio nel 2014. In questa edizione del torneo era in palio il titolo di maestro FSI che però purtroppo nessuno ha conseguito. La cultura scacchistica si è radicata nel nostro territorio grazie all’infaticabile opera d’insegnamento delle regole di questo gioco ai bambini che viene svolta da anni dagli istruttori dell’ASD Scacchi di Locri. Gli appuntamenti sportivi come il torneo internazionale sono un ottimo incentivo ai giovani per migliorare le proprie conoscenze grazie all’esempio dei campioni di livello internazionale che affascinano il pubblico con le loro performance. I vincitori sono stati premiati da Salvatore Papa, fiduciario CONI, e da Francesco Galasso, delegato provinciale FSI

 

 

 

 

 

 

LOCRI: IL SERBO LAKETIC LA SPUNTA PER SPAREGGIO TECNICO NELL’OPEN

Il MI serbo Gojko Laketic ha vinto al fotofinish la terza edizione dell’open internazionale di Locri, disputata nella cittadina calabrese dal 13 al 19 luglio. Laketic l’ha spuntata per spareggio tecnico sul GM macedone Milan Drasko che, come lui, aveva concluso il torneo imbattuto con 6,5 punti su 9: i due avevano proceduto di pari passo per tutta la durata del torneo, pareggiando lo scontro diretto del quinto turno.
Quattro giocatori hanno spartito il terzo posto a quota 6, ovvero il GM serbo Miroljub Lazic, il GM tedesco Arkadij Rotstein – favorito della vigilia, ma escluso dal podio a causa della sconfitta subita all’ultimo turno per mano del 20enne maestro tarantino Antonio Varvaglione -, dal MI austriaco Adrejs Strebkovs e dal già citato Varvaglione, miglior classificato tra gli italiani. Gli altri due titolati in gara, il MI croato Milan Mrdja e il GM russo Igor Naumkin, hanno spartito il 7° posto a quota 5,5. Al torneo hanno preso parte 24 giocatori provenienti da sette Paesi diversi, tra cui quattro grandi maestri e tre maestri internazionali.
Classifica finale: 1°-2° Laketic, Drasko 6,5 punti su 9; 3°-6° Lazic, Rotstein, Strebkovs, Varvaglione 6; 7°-8° Mrdja, Naumkin 5,5; 9°-10° Iannello, Mollace 5; ecc.
(Tratto dal n.783 di messaggeroscacchi)

Filadelfia, Stefano Carbone trionfa, ottima prova di Ruggero Mollace

Dal 27 al 30 dicembre si è disputata a Filadelfia la sesta edizione dell’omonimo trofeo . La manifestazione che si ripete ogni anno sin dal 2009 assegna al vincitore una prestigiosa scultura ,realizzata dall’organizzatore Vincenzo Serratore, e quest’anno, per la terza volta di fila l’ha ottenuta il cm di Sant’Eufemia, Stefano Carbone.
Tra gli iscritti a questa edizione spiccava il n° 1 di tabellone il CM bolognese Vincenzo Adinolfi (elo 2111) che però dopo aver rischiato al terzo turno di nero con la 1N Vincenzo Violi (partita finita patta) subiva un ko ad opera di Stefano al 4° turno che si portava in testa al 5° turno con 4/5 insieme allo stesso Violi. Lo scontro tra Stefano ed il fratello Edoardo del sesto turno faceva rimanere in testa Stefano con 5/6 seguito a 4,5/6 dalla 1N crotonese Gaetano Morelli che batteva in bello stile il CM Adinolfi (che usciva dalla lotta al vertice classificando infine 7°).
Lo scontro decisivo dell’ultimo turno vedeva opposti ,come già successo al I torneo del Palace Hotel, Stefano di bianco contro Gaetano ma stavolta il campione reggino portava la lotta su binari posizionali ,non permettendo complicazioni, e la partita si concludeva con la vittoria del bianco.
Stefano chiudeva quindi con 6/7 vincendo il torneo e distanziando di un punto il fratello Edoardo che chiudeva con 5/7 e la promozione a CM. Il più giovane dei Carbone beneficiava di una buona dose di fortuna in questo torneo (ma esiste la fortuna negli scacchi o è solo abilità?), soprattutto negli ultimi 3 turni, contro Morelli, la 1N reggina Tricomi e Serratore, dove riusciva a salvare posizioni molto difficili. In particolare un redivivo Serratore all’ultimo turno con un controgambetto Albin rischiava di rovinare le speranze di podio e promozione ad Edoardo in una bella partita d’attacco quando dopo un vincente sacrificio di qualità mancava la mossa decisiva e finiva addirittura col perdere. Al terzo posto si classificavano 4 giocatori a 4,5 punti con Massimo Tricomi che la spuntava per il bukholz su Morelli, Violi e Sergio De Zerbi, quest’ultimo promosso 1N dopo un buon torneo.
La rivelazione del torneo è stata la 3N di Locri Ruggero Mollace che dopo un’ottima partenza pagava pegno subendo sconfitte da avversari più titolati ed esperti. Al primo turno la giovane promessa locrese batteva la 1N cosentina Marcello Rametta e al secondo Tricomi venendo così costretto ad affrontare in successione Adinolfi, Morelli, Serratore ed infine il Maestro catanzarese Domenico Blasco. Una vera prova del fuoco per Ruggero che è già virtualmente promosso a 2N.

Il vincitore S.Carbone

Il vincitore S.Carbone